Anche per la U17 femminile lo spareggio è amaro

15 maggio 2023

Nel concentramento di Albinea il ko contro Granda College Cuneo chiude le porte della finale nazionale.

A un anno di distanza, il copione si ripete: per la nostra under 17 femminile la finale nazionale resta un miraggio che sfuma all’ultimo metro. Così come nel 2022 contro Battipaglia, anche stavolta è infatti arrivato un ko senza appello nella partita che, se vinta, avrebbe regalato alle nostre ragazze il biglietto per la partecipazione al prestigioso torneo che assegna il titolo di campione italiano. È successo ad Albinea, in provincia di Reggio Emilia, dove dall’11 al 13 maggio scorsi erano in palio due posti per Pordenone, sede nella settimana a cavallo tra maggio e giugno del torneo tricolore. Che sarebbe stata dura lo si sapeva, visto che Elite è arrivata al concentramento interregionale come quarta classificata del Lazio, ma il compito non era impossibile come era stato il caso appena dieci giorni prima per la under 19.

L’esordio nella competizione in terra emiliana, giovedì 11 contro Futurosa Trieste, ha fatto subito capire che sarebbero stati tre giorni difficili. Bella squadra quella giuliana, guidata da un grande nome del nostro basket come Stefano Attruia, che in campo si muove a meraviglia al di là della forza delle singole giocatrici, non a caso laureatasi campione del Friuli Venezia Giulia. Eppure ce la siamo giocata, visto che dopo una partenza difficile siamo risaliti a meno 2 per poi cedere allo sforzo fatto e alla bravura delle avversarie (finale 59-41).

L’indomani prima delle due partite senza appello contro Pallacanestro Mirano, terza in Veneto. Partita non facile, anche se sulla carta la più accessibile delle tre in programma, risolta non senza difficoltà dopo un inizio confortante, seguito però da un passaggio a vuoto che poteva costare caro. Pressing e determinazione le carte alla fine vincenti per Mascetti e compagne (69-51).

Grazie alla concatenazione dei risultati l’ultimo match contro l’ottima Granda College Cuneo è risultato quello decisivo: la vincente a Pordenone, la perdente a casa. Un film già visto, non solo lo scorso anno ma anche poche settimane prima in occasione del concentramento under 15. Non sono bastate l’ottima partenza (10-0) e la rimonta finale, con due occasioni solari per segnare il -2 a 15 secondi dalla fine (63-57 il finale). Onore alle avversarie e appuntamento al prossimo anno per smentire il proverbio…

“Sono state tre gare ovviamente una molto diversa dall'altra, nelle quali ci siamo ritrovati a dover affrontare ogni volta una diversa  problematica tecnica da risolvere. Nella prima contro Futurosa la loro difesa molto tattica ci ha messo in difficoltà, fino a che non abbiamo adottato le giuste contromisure  riuscendo a recuperare quasi totalmente lo svantaggio accumulato. Questo sforzo fisico ha però – commenta coach Enrico Gilardi - condizionato la lucidità nel continuare a gestire al meglio le nostre scelte offensive e alla lunga abbiamo pagato dazio anche alla differenza fisica rispetto alle nostre avversarie. La seconda partita contro Mirano era da affrontare in maniera diametralmente opposta e le ragazze sono state brave nel contrastare le avversarie con una pressante ed efficace difesa aggressiva che ci ha permesso anche di migliorare e ottimizzare le nostre conclusioni offensive e poter vincere cosi il confronto. La terza gara contro Cuneo ci ha visto iniziare ottimamente fino a che, questo è il paradosso, non c'è stato l'infortunio della loro bravissima playmaker, vera fonte di gioco e finalizzazione dei loro attacchi. L'assenza del loro leader, sulla quale avevamo impostato i maggiori accorgimenti difensivi, ha purtroppo invece responsabilizzato maggiormente ed esaltato le sue compagne di squadra. La differenza poi l'ha fatta, date anche le nostre non esaltanti percentuali al tiro, la difficoltà ad attaccare la zona schierata per tutta la gara dal loro allenatore.  Nonostante questo siamo stati quasi ad un passo dal poter riprendere la partita e questo fa aumentare il rammarico di non aver saputo sfruttare al massimo questa occasione”.

Altre Pagine

22 maggio 2024

Se sei già dei nostri conferma subito il tuo tesseramento, altrimenti presenta la tua candidatura.

 
20 maggio 2024

Nella final four di Anagni Tribastone e compagne hanno conquistato la promozione in serie B.

 
19 maggio 2024

Nella final four i ragazzi di coach Gigli hanno conquistato uno splendido terzo posto.

 
Elite Basket Roma ssdrl
Via dell'Imbrecciato, 181
Roma
00148
Tel: 3888753897
P.iva: 14338091003
Cf: 97935030581