Un’Elite determinata aspetta San Martino in gara 1 di playout

pubblicato in: NEWS | 0

Ottanta minuti, se basteranno. Al termine dei quali sarà paradiso da una parte e inferno dall’altra: è la fase decisiva del campionato, che per Elite Basket Roma e la sua avversaria – la Fanola San Martino – si chiama playout per restare in serie A2. Il primo atto ci sarà sabato prossimo, alle ore 18, nel fortino romano del Pala Colle La Salle. È lo scontro tra la dodicesima del girone sud, Elite, e la tredicesima del girone nord, San Martino, che ha conquistato la posizione proprio sul filo battendo sabato scorso di un punto a domicilio il Ponzano Basket, interrompendo una serie negativa che durava da cinque partite. Nella regular season le venete hanno chiuso con un record di 5 vittorie e 10 sconfitte in trasferta, mentre in assoluto possono vantare l’undicesima attacco (55,5 i punti messi a segno di media a partita) e l’ultima difesa (63,5 di media) del girone nord. Guardando al roster, tra le singole la migliore marcatrice è Alice Milani con 9,9 punti di media, mentre Beatrice Baldi guida la classifica dei rimbalzi, degli assist e della valutazione con 8.4, 1.6 e 12 rispettivamente.

“San Martino – dice il direttore sportivo di Elite, Laura Ortu – è una buona squadra, ben allenata. Atlete come Pasa, Baldi, Profaizer e Amabiglia sono molto pericolose, giovani di grande talento con ottime percentuali al tiro. Sicuramente dalla nostra abbiamo giocatrici molto più esperte, ma bisogna comunque fare attenzione a questo tipo di squadre. Noi dobbiamo restare concentrate sul nostro obiettivo, difendendo le mura di casa con coraggio, pazienza, passione e testa. E ora più che mai abbiamo bisogno del nostro pubblico e del nostro quartiere: invitiamo tutti a venirci a sostenere sabato. È casa nostra difendiamola!”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *